L’Espresso entra nell’harem sardo di Berlusconi.

Occhio, anzi orecchio, alla telefonata.