Parlo, ma non suono

favetto_webOggi alle 18 se siete a Palermo e se passate dal Foro Italico, entrate al Kursaal Kalhesa. Si presenta Le stanze di Mogador di Gian Luca Favetto (Edizioni Ambiente). Il libro è inserito nella collana Verdenero, il noir contro l’ecomafia, che riunisce vari scrittori italiani, tra cui Tullio Avoledo, Giancarlo De Cataldo, Carlo Lucarelli, Loriano Macchiavelli, Francesco Abate, Massimo Carlotto, Piero Colaprico, Giacomo Cacciatore, il sottoscritto e molti altri.
Io accompagnerò Favetto nella sua presentazione. E giuro che non suonerò, anche se qualcuno ha infamato i musicisti includendomi nella categoria.

Pubblicato da

Gery Palazzotto

Palermo. Classe 1963. Sei-sette vite vissute sempre sbagliando da solo. Sportivo nonostante tutto.

8 commenti su “Parlo, ma non suono”

  1. L’unico che non ha mai assistito alle performances di Gery musicista sono io: dovrò riparare quanto prima!

  2. Aneddoto

    Fine anni ’70: una tre giorni del jazz siciliano organizzata da quel pazzo di Claudio Lo Cascio al Politeama di Palermo. Si esibisce Enzo Randisi, buonanima, al vibrafono (stupendo) con una giacca damascata onestamente improbabile anche per quell’epoca. Subito dopo lui, in una spiazzante alternanza antropo-ideo-sociologica, nonché musicale, ecco quello straordinario pianista, performer, sovvertitore/rilettore di spartiti (ma nella vita raffinato ebanista) che è Piero Costa. Si presenta da Piero Costa, ovvero straordinariamente “sfardàtu”. Prende posto allo sgabello davanti alla tastiera. Una voce dal loggione fa tremare il teatro: “COSTAAA, FATTI ‘MPRISTARI A GIACCA RI ENZU RANDISIIII!!!!”.

    Non vorrei che Gery fosse a corto di giacche d’un certo tono…

  3. Caro Gery, sai che puoi sempre contare su di me per la scelta del look. In realtà, ci rimarrei malissimo se non lo facessi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.