La scienza dell’informazione

L'illustrazione è di Gianni Allegra

L'illustrazione è di Gianni Allegra

Ieri sera, alla ricerca di un tema da affrontare sul blog, riflettevo sulla grandezza di questo mezzo di comunicazione.
Chi ha lavorato nel mondo dell’informazione sa quanto è difficile trasmettere le opinioni libere. Anche il giornale più avanzato ha regole e impostazioni editoriali che lo rendono farraginoso, quindi un po’ distante dal pubblico.
Oggi, in tale ambito, gli equilibrismi sono sempre più un peso da sopportare. Risultato: leggiamo quotidiani che pur essendo freschi di stampa nascono vecchi; guardiamo tg che ci raccontano storie di cui conosciamo inizio, sviluppo e fine; seguiamo portali che mascherano una vetusta impostazione di stile cartaceo con la rapidità di aggiornamento di stile telematico.
La nuova comunicazione è un’altra cosa.
E’ parziale, perchè rappresenta il momento con la consapevolezza di non essere definitiva.
E’ completa, perché si sostenta della somma aritmetica dei momenti.
E’ condivisa, perchè si compone dei pareri che scaturiscono da un input.
E’ democratica, perchè è gratuita e facilmente accessibile.
E’ concorrenziale, perché competitiva in un ambito di regole uguali per tutti (sul web Pinco Pallino e Obama stanno sullo stesso piano).
Quando lavoravo in un quotidiano non ho mai ricevuto tanti suggerimenti, contributi, insulti (che in un certo senso fanno opinione), segnalazioni come adesso. E vi assicuro che è così per molti giornalisti (anche di testate importanti) che hanno scelto il web come destinazione principale dei loro scritti. Ritengo che la comunicazione su internet sia, con le dovute scremature, una vera fabbrica di idee. Vincono le più solide, ma le altre non soccombono, restano e si vedono lo stesso: il massimo del pluralismo. Io stesso mi sono trovato spesso in minoranza, in questo blog, e ne ho tratto insegnamento. E ho motivo di ringraziarvi.
Infine una notazione. Le opinioni sono come il prosciutto, il peso sulla bilancia non dà garanzie sulla qualità. Solo assaggiandole (leggi: vagliandole) si ha contezza del loro valore. Sono ottimista: vedo in giro ottimi salumieri.

  

9 Comments

  1. Matt
    Apr 20, 2009 @ 08:59:08

    Fuori i nomi dei salumieri!

  2. jana
    Apr 20, 2009 @ 09:58:04

    Il tuo ottimismo mi contagia. Anch’io lo sono e il profumo del prosciutto appena affettato lo sento spesso in questo blog. Buona giornata!

  3. Gery Palazzotto
    Apr 20, 2009 @ 09:58:06

    Gli elenchi non mi piacciono. Perché mi dimentico sempre di qualcuno.

  4. silvia
    Apr 20, 2009 @ 10:16:44

    E questo blog è il “pizzo&pizzo” della comunicazione!
    Ogni spazio, virtuale o reale che sia, di espressione e condivisione delle proprie idee va salvaguardato.
    Chi fa informazione ha sempre una grande responsabilità.

  5. faguni
    Apr 20, 2009 @ 10:50:00

    Cacciatorino parte avvantaggiatissimo!!!

  6. faguni
    Apr 20, 2009 @ 10:52:11

    Ma anche Rocco…

  7. Anonimo
    Apr 20, 2009 @ 18:53:45

    Ci vorrebbe un consorzio di salumieri.
    Cl.r.

  8. D'Artagnan
    Apr 20, 2009 @ 19:26:49

    La comunicazione su internet richiede:coraggio ,equilbrio ed anche una buona dose di modestia(sempre presente in questo blog).Un lato negativo e’ ,a mio parere,che si puo’correre il rischio di dialogare sempre con le stesse persone o che si faccia una autoselezione anche politicamente non significativa.Di contro mi sembra molto interessante una visione tipo “caffe’ letterario”I ragazzi di via panisperna si incontravano in quella via voi vi incontrate nel blog di Gery.

  9. faguni
    Apr 20, 2009 @ 20:52:20

    Voi chi ?
    lei ci capita per caso?

Leave a Reply