I due titani

La vignetta è di Gianni Allegra

La vignetta è di Gianni Allegra

Tra il Papa e Berlusconi l’imbarazzo della scelta per scrivere ogni giorno un post produce un tremendo effetto collaterale: l’avvelenamento della fantasia.
In una gara che sembra eterna, questi due titani fanno di tutto per ribaltare la logica e, quel che è peggio, per superare se stessi. Berlusconi sa infatti che nessuno lo può battere in acrobazie politiche… nessuno tranne Berlusconi, appunto. Per questo ultimamente ha stilato due piani casa, uno con errori di ortografia, che ha nascosto nel cassetto, l’altro in un italiano mediamente corretto,  che ha fatto recapitare alle opposizioni per poterlo smentire con serenità. “Io non scriverei mai una cosa del genere”.
Il Papa, forte di un ruolo di AD in un’azienda che non può fallire ma tuttalpiù deludere, deve trovare quotidianamente un appiglio di cronaca per giustificare nel modo più dirompente il suo ruolo: dopo aver bocciato il preservativo mentre si trovava nel continente dell’Aids, sta adesso progettando una missione da Vissani per stigmatizzare l’orribile laicità degli spaghetti.
Capite bene che con personaggi di tale livello è difficilissimo scrivere di altro, a meno che non ci si inventi nuovi scenari. Si accettano indicazioni.

Aggiornamento. Ecco la foto di cui si parla nei commenti.image0021

  

67 Comments

  1. gianni allegra
    Mar 25, 2009 @ 12:53:34

    A quanto pare (cosa vuol dire avere un metro e mezzo di statura, ve lo rivelan gli occhi della gente e la curiosità di una ragazza irriverente)Brunetta non festeggerà il 25 aprile: è un sollievo saperlo in anticipo.

  2. Roberto Torta
    Mar 25, 2009 @ 13:16:05

    E se parlassimo di me?

  3. Abbattiamo
    Mar 25, 2009 @ 13:21:30

    @la contessa: per il momento la posso rassicurare. La tuta in questione (di felpa leggera, perché la ciniglia mi fa allergia alle mani) l’ho comprata ai saldi dello scorso anno. E per fortuna non c’è stato un crescendo inquietante con le maglie da baseball. Il pericolo è scongiurato? O fra poco uscirò in fuseaux, calzini da palestra e sandali?

  4. il cacciatorino
    Mar 25, 2009 @ 13:22:08

    Io mi sono perso il rumeno “faccia di pugile” a porta a porta. Ho visto una foto in cui piange in studio schiacciando con fare implorante la guancia su una mano senza volto. Ditemi che non era quella di Bruno Vespa, ve ne prego.

  5. gianni allegra
    Mar 25, 2009 @ 13:26:21

    Garimberti sostiene di non aver mai visto un reality. Le cose sono: o cambia (in meglio) la rai o lo fanno fuori (metaforicamente) prima della nomina ufficiale.

  6. Abbattiamo
    Mar 25, 2009 @ 13:30:50

    @gianni: oppure è cieco.

  7. la contessa
    Mar 25, 2009 @ 13:36:37

    @cacciatorino: no, era un altro. Stia sereno.

    @Abbattiamo: per favore, certe immagini mi fanno male. Se insiste, sarò costretta a farle recapitare a casa “859 – CODICE OMICIDIO. Terrore a Biella” di Sandro Gigliotti. E non dica che non l’avevo avvertita…

  8. totorizzo
    Mar 25, 2009 @ 14:56:45

    Indosso dei calzettoni Gallo (da Torregrossa di via Ruggiero Settimo l’assortimento migliore) a strisce orizzontali di altezza alternata (nell’ordine dal polpaccio in giù):
    1)rosse
    2)arancione
    3)verde
    4)marrone
    5)senape
    la successione di colori ricomincia uguale dopo una sottile linea separatrice che oserei definire color oro antico
    Una tale, rigorosa descrizione merita almeno una recensioncina dalla Contessa (spero nessuno le parli della dimensione dei miei polpacci…).

  9. la contessa
    Mar 25, 2009 @ 15:09:12

    Caro Salvatore, le calze Gallo denotano grande personalità e… grandi polpacci, in alcuni casi. Le righe orizzontali, beh, si sa.
    Io non amo molto indossare i colori-colori, ma mi piace vederli sugli altri (a parte il giallo, che proprio odio).

  10. Cinzia
    Mar 25, 2009 @ 18:08:39

    Io avrei un argomento e una proposta: il rimmel.
    Vorrei fare una causa “cumulativa” alle case di cosmesi che assicurano il no – grumi e poi invece le ciglia si appiccicano tutte. Per non parlare di quelli allunganti che invece non allungano per niente.
    Dobbiamo dire basta alle promesse del rimmel.

    Ho tutte le carte in regola per diventare la Erin Brockovic della via Sciuti.

  11. gianni allegra
    Mar 25, 2009 @ 18:21:41

    Cinzia, allora consolati. Ascolta il buon vecchio De Gregori: Rimmel, appunto. E qualcosa rimane tra le pagine chiare…

  12. Cinzia
    Mar 25, 2009 @ 18:25:57

    No Gianni.. a me De Gregori mi mette un po’ di tristezza… E’ la colonna sonora della fine degli amori.

  13. Cinzia
    Mar 25, 2009 @ 18:29:27

    me – mi.. PERDONO!

  14. Cinzia
    Mar 25, 2009 @ 18:34:58

    @Contessa.. approfitto della sua competenza…

    il rosso e il rosa si possono accoppiare? (intesi come colori)

  15. D'Artagnan
    Mar 25, 2009 @ 19:42:53

    E’ da molto tempo che non sorbivo una buona dose di salutare antiberlusconismo(salutare per chi riesce a sfogarsi)ma che propio sia ua testa di rapa mi ispira un sentimento di tenerezza per chi lo pensa.I milioni di voti di consenso non sono noccioline ne’tutti teste di rape. .

  16. la contessa
    Mar 25, 2009 @ 20:15:13

    Cara Cinzia, qui siamo ai fondamentali, saper applicare il rimmel è un dovere per ogni donna! Come scegliere i den giusti per i collant o saper deambulare su un tacco 12 senza sembrare robocop.
    E allora: prendere il pennellino, asciugarlo per bene, e pooooi applicarlo. Ma se vuole l’effetto ciglia extralong, ci vuole il piegaciglia… tutta un’altra storia. E comunque dimentichi le foto che vede sui giornali e si accontenti di qualche sbavatura. Andrà bene uguale, purchè si eviti l’effetto panda.
    Rosa e rosso ensemble? O il rosa o il rosso (à mon avis), abbinati ad un neutro (bianco o denim); insieme mi fa un po’ donzelletta che vien
    dalla campagna…

    Sempre a disposizione per i vostri dubbi fashion.

  17. Cinzia
    Mar 25, 2009 @ 22:42:15

    @contessa… grazie mille!
    Mi sembra un ottimo servizio!

Leave a Reply