Violenza + violenza

La vignetta è di Gianni Allegra

La vignetta è di Gianni Allegra

Un branco di imbecilli a Nettuno dà fuoco a un immigrato “per divertimento”.
Il ministro degli Interni Maroni dichiara che “bisogna essere cattivi coi clandestini”.
Le notizie non si sommano, semmai si sommano i ragionamenti che dalle notizie scaturiscono.
Ecco la mia somma.
C’è una violenza aberrante, frutto della pianta malata dell’ignoranza e del vuoto della ragione. Poi c’è una violenza che si finge strategia, frutto di uno strabismo politico e di una grande approssimazione. Sono violenze diverse, per cause ed effetti. La prima lascia il vuoto dietro di sé, la seconda lo riempie di altro vuoto. La politica dovrebbe essere mattone e cemento per riedificare, consolidare, proteggere. Nelle parole di Maroni è invece solo una pietra da scagliare a occhi bendati.

  

7 Comments

  1. matt
    Feb 03, 2009 @ 09:23:27

    Direi che la violenza verbale di Maroni crea un clima idoneo allo scontro fisico.

  2. abbattiamo
    Feb 03, 2009 @ 09:37:55

    Certi morti e certe violenze ce li hanno sulla coscienza Berlusconi, Maroni e soci. Arroventano il clima e ignorano i problemi, quelli veri.

  3. stef
    Feb 03, 2009 @ 09:52:55

    “le notizie non si sommano” è bello. penso a quanti fenomeni crea la stampa con semplici addizioni…

  4. jana
    Feb 03, 2009 @ 10:28:36

    Vorrei che proprio da questo blog giungesse al ministro Maroni la mia espressione di sdegno e profonda disapprovazione per quanto sta alimentando in queste ore. E potrei aggiungere anche incomprensione totale e senso di estraneità completo da tutto quanto rappresenta, dalla degenerazione furiosa nella quale ci troviamo. Ho voglia di un rifugio sicuro, queste notizie e l’avvicendamento di commenti tanto dannosi mi mettono seriamente paura.

  5. silvia
    Feb 03, 2009 @ 12:50:30

    La politica ci protegge? Ce ne dobbiamo proteggere.E solo parole “nuove” possono essere dei mattoni con cui costruire non erigere muri…

  6. Gery Palazzotto
    Feb 03, 2009 @ 14:23:02

    La politica, in senso aristotelico, è una cosa buona.

  7. silvia
    Feb 03, 2009 @ 16:42:02

    Bene comune, convivenza ordinata,giustizia, uguaglianza sono concetti controversi e interpretabili nei modi più disparati. Come in una grande famiglia dove avvengono “delitti” deplorevoli c’è un padre che si finge buono ma è corrotto.

Leave a Reply