Lupi e cantanti

di Quarant’Ena

Alcune delle persone che incontriamo sono di passaggio. Hanno solo il tempo di frantumarti il cuore e poi se ne vanno. Una pensa che quando lo sminuzzamento delle coronarie è avvenuto molte volte si diventa in qualche modo immuni. Invece non è così. E sarà per questo che adesso la mia amica Francesca giace supina in un letto. Sono già passati 15 giorni. Perché lui,  un esemplare appartenente alla razza maschile, se n’è andato. La prova è l’sms che le ha mandato: “Sei una bellissima persona e meriti anche tu di essere felice”. Dopo accurato interrogatorio ho anche scoperto che c’erano già stati segnali: ben tre sms con la ripetizione dello stesso concetto oscillante tra “sei una bella persona” e “sei una bellissima persona”. Così Francesca, ora e per sempre soprannominata “bella persona”,  piange e si dispera plissettando, temo irrimediabilmente, il suo già provato contorno occhi.  Perché se a 20 – 30 anni una crisi sentimentale si supera con l’alcol,  a 40 ti viene l’herpes zoster e se bevi poi devi drogarti di buscopan. E per togliere gli origami disegnati nelle guance da ore e ore di viso sul cuscino ci vogliono ore e ore di ghiaccio sulla parte lesa.
Se è vero che è sempre valida la teoria del chiodo scaccia chiodo, più passano gli anni e meno chiodi ci sono.
Quando nasciamo, l’ostetrica dovrebbe cucirci addosso, sotto il cuore, un macchinario. Una sorta di cerca persone. Che dovrebbe iniziare a ululare quando si avvicina qualcuno che può farci del male e a cantare quando invece questo qualcuno può farci del bene.  Servirebbe a ricordarci che il mondo è pieno lupi e pochissimi cantanti (tra cui Gigi D’Alessio). Cosa sia meglio, Iddio solo lo sa.

  

43 Comments

  1. Verbena
    Gen 14, 2009 @ 08:01:50

    Ah, ah splendida Quarant’ena! Arguta e ironic-amara come sempre…

  2. abbattiamo
    Gen 14, 2009 @ 09:37:09

    Bel pezzo, Quarant’Ena.
    Per il resto, se incontro un uomo che usa la frase “bella persona” (orrida espressione che ha fatto fortuna piuttosto di recente perché di derivazione televisiva, non so se defilippiana o grandefratelliana) scappo a razzo, il più lontano possibile. Insomma, non aspetto che mi lasci lui: lo evito io, da subito.
    Concordo sul fatto che di chiodi in giro ce ne siano sempre di meno. E quelli che ci sono, sono acciaccati. Segno che non reggevano sin dall’inizio.

  3. jana
    Gen 14, 2009 @ 09:44:32

    Questo è un pezzo da oscar, anzi da nobel. E’ di una verità talmente abbagliante che mi è servita la rilettura immediata per ben tre volte prima di potermi disinvoltamente dedicare ad altro. Non so chi sia Francesca, ma è ovvio che incarna tutte le Francesce (e non solo, purtroppo) del mondo e che merita la mia solidarietà e il mio affetto più profondi. Una carezza va a lei e una stretta di mano energica e un sorriso all’autrice del post. Incantevole e drammaticamente reale post.

  4. gianni allegra
    Gen 14, 2009 @ 10:10:55

    Frase fatta tutta femminile: “Voglio un uomo che mi faccia ridere”. Fatta salva la sacralità dell’ironia e del buon umore, cosa desiderano queste esigentissoime donne, uno sbruffone a tempo pieno?

  5. abbattiamo
    Gen 14, 2009 @ 10:46:12

    O uno che sappia fare il solletico…

  6. c.
    Gen 14, 2009 @ 10:57:36

    @allegra
    io credo che ridere faccia sempre bene. Ridere è indispensabile. Quindi un uomo che ti fa ridere è moooollttto meglio di uno che ti fa piangere, di uno che è sempre stanco, di uno che si lamenta e che se ha anche un raffreddore teme che non supererà la notte. Di uno che come unica ambizione nella vita ha quella di avere un rapporto carnale col divano e con la partita. Non mi piacciono gli uomini sbruffoni, ma di sicuro li preferisco ai permalosi, ai lamentosi e a quelli che ti devono insegnare la vita.

  7. gianni allegra
    Gen 14, 2009 @ 11:20:54

    @c.: ben detto. Però, appunto, mi pare che esista solo la contrapposizione: ridere-piangere. Uomo brillante e ironico vs uomo lagna-palloso-permaloso. Auspico un uomo con propensione al riso e al buon uomore, al momento giusto. E’ l’accezione “sbruffona” che mi pare abbia spesso il sopravvento. Ah, dimenticavo: anche per l’altro sesso dicasi la medesima cosa…

  8. faguni
    Gen 14, 2009 @ 13:25:52

    Ci sono uomini che ti fanno piangere dalle risate e uomini che fanno battute da far piangere.Si piange e si ride vivaddio!
    Di “belle persone” ce ne sono tante in giro… basta quartiarsi.
    Ps: Auguri gery!

  9. Anonimo
    Gen 14, 2009 @ 13:33:50

    Che vuol dire quartiarsi?

  10. il cacciatorino
    Gen 14, 2009 @ 13:55:09

    Un poco di storia del nulla: “bella persona” fu rilanciato ( o lanciato?) da una concorrente del primo Grande Fratello, la messinese Marina La Rosa. Come mai me lo ricordo? Perché la Gialappa’s ci costruì sopra una delle loro gag più irresistibili. Nell’imitazione, la ragazza si presentava scalza, si rimirava un alluce e così sentenziava: “Il mio piede è una bella persona”… Io l’ho sempre trovato esilarante. E questo si riallaccia alla questione degli uomini che – grazie a dio – hanno senso dell’umorismo.

  11. il cacciatorino
    Gen 14, 2009 @ 13:58:34

    però voglio aggiungere: bel pezzo, quarant’ena. Una bella persona di pezzo!

  12. abbattiamo
    Gen 14, 2009 @ 13:59:40

    Per me oggi in un uomo è importante che sia prima di tutto responsabile e maturo. Ce ne sono pochissimi in giro.

  13. iko
    Gen 14, 2009 @ 15:23:46

    Brava Quarant’ena, non ti dico grazie solo perchè sono parente stretta di Francesca!
    “bella persona” comunque ha un sacco di sinonimi.
    @abbattiamo, concordo: responsabile e maturo, ma continuo a pensare che ridere insieme sia un’assicurazione sulla vita condivisa

  14. gianni allegra
    Gen 14, 2009 @ 15:26:56

    Non vorrei essere frainteso. Rido spesso e volentieri. Ne sa qualcosa mia moglie. Ma sono anche irascibile. Purtroppo sa anche questo, mia moglie…

  15. iko
    Gen 14, 2009 @ 15:31:50

    appunto Gianni, pensa se tu fossi solo irascibile e tua moglie non potesse riderne mai!

  16. abbattiamo
    Gen 14, 2009 @ 17:06:36

    D’accordo anche io sull’ironia, ci mancherebbe. Per me è un requisito indispensabile. Solo che di uomini ironici se ne trovano tanti, per fortuna. Di responsabili e capaci di investire davvero – in termini di impegno e di coinvolgimento – in una storia ne vedo in giro molti, molti di meno. E mi sembra un fatto triste. Soprattutto per gli stessi uomini. Credo si tratti di incapacità cronica, di peter-panismo perenne. Una cosa che, con l’andar del tempo, li rende anche ridicoli.

  17. la dispersadelsabatosera
    Gen 14, 2009 @ 17:36:05

    @abbattiamo..Parole sagge signora mia! condivido in pieno continuando a non perdermi d’animo

  18. Barbarella
    Gen 14, 2009 @ 18:26:04

    Mi ha corteggiata per mesi, mandato sms ad ogni ora del giorno e della notte. Mi scriveva ogni giorno, mi invitava spesso a pranzo e a cena. Mi diceva che ero bella e a volte anche bellissima. Per mesi siamo andati avanti così. Io siccome ero reduce da una delusione di una BELLA PERSONA non volevo starci però ci sono stata e così da che mi mandava 400 sms al giorno a che è sparito nel nulla. Non mi puzza nè l’alito nè altro. Non ho difetti fisici, nè voglio sposarmi. con i nostri corpi ancora CALDI sapete che mi ha detto???
    NON TI INNAMORARE DI ME PERCHè IO SONO UNA TESTA DI C.. E TU INVECE SEI UNA DONNA SPECIALE
    Avrei voluto evirarlo.
    io non credo che gli uomini sono tutti str.. ma una buona parte sì e che diamine!

  19. iko
    Gen 14, 2009 @ 19:12:54

    il silenzio maschile nelle repliche (tolti il Cacciatorino e Gianni Allegra, chapeau!) è piuttosto esaustivo…

  20. Verbena
    Gen 14, 2009 @ 19:14:58

    Barbarella (il tuo nick mi piace) sono d’accordo con Aabbattiamo. Non è una questione di “str…” ma di paura dei rapporti (e neanch’io mi riferisco al matrimonio), di voglia di evitarsi “noie” o di semplice voglia di fare sesso una o due volte soltanto senza inutili code.
    Se non si è consapevoli di questo, il rischio diventa alto, soprattutto per noi donne.
    E questo ragionamento non cambia se dietro c’è un corteggiamento lungo; per molti uomini è la prassi. Una prassi che non è poi così faticosa (per loro!).
    Forse sono un po’ sbrigativa e un po’ cinica, ma sono sincera… La prossima volta che ti capita una cosa del genere prendila per quello che è, e dedicati ad altro.

  21. gianni allegra
    Gen 14, 2009 @ 19:26:03

    @Barbarella: il tipo in questione ha detto una verità sacrosanta: è una testa di eccetera. Questa si chiama consapevolezza tardiva (oltre che fradicia). Ti faceva ridere, almeno, prima di ottenere quanto ha ottenuto? Uno così fa pena, fa tutt’al più piangere.

  22. Residuo vagante
    Gen 14, 2009 @ 19:40:10

    Il brano della sera:

    “Milioni e milioni di persone sperano soltanto
    in un po’ di aiuto, si aspettano dai loro innamorati
    rimedi caritatevoli, un briciolo di tenerezza, di pazienza,
    di indulgenza, qualche moina… E non sanno che quel
    che ottengono così è insignificante, e che bisogna
    sapersi donare in maniera
    incondizionata,
    perchè il senso del gioco consiste in questo.”

    Sandor Marai, La donna giusta, Adelphi

  23. barbarella
    Gen 14, 2009 @ 20:17:59

    Si mi faceva ridere. Le donne non tuttte ma molte siamo come Francesca crediamo sempre che ci sia la buona fede.ora sto molto male

  24. Roberto Madai Torta
    Gen 14, 2009 @ 21:50:11

    L’importante è darsi.

  25. GUERRIERA
    Gen 15, 2009 @ 10:00:44

    Ti confermi una bella penna, come sempre.Io ho capito di essere nella quarantena da quando gli uomini mi dicono che sono intelligente e in gamba, poi mi invitano a casa loro e mi parlano di schemi, gabbie e mi consegnano il loro trofeo “con pila” in mano.l’ultima volta l’ho acceso e c ho montato la schiuma del capuccino.

  26. Fuoco amico
    Gen 15, 2009 @ 12:28:34

    La soluzione sono i tuareg e le loro splendide compagne

  27. L'anatra parlante
    Gen 15, 2009 @ 12:41:47

    Ha ragione Torta:l’importante è darsi.
    Aggiungo: e poi fuggire e poi perdere la memoria.
    Riposare in pace

  28. c.
    Gen 15, 2009 @ 12:52:13

    @l’anatra parlante..
    riposare in pace nel senso di defungere???

  29. L'anatra parlante
    Gen 15, 2009 @ 13:04:46

    @C.
    De-fingere

  30. c.
    Gen 15, 2009 @ 13:10:58

    @anatra
    bellissima :-)

  31. L'anatra parlante
    Gen 15, 2009 @ 15:51:53

    @ C.

    grazie
    mi sento De-privanatra

  32. gianni allegra
    Gen 15, 2009 @ 16:04:04

    State diventando criptici!

  33. L'anatra parlante
    Gen 15, 2009 @ 16:16:27

    @Gianni Allegra
    Disegnaci
    sarà un bis-tratto criptico
    le belle persone Allegra

  34. gianni allegra
    Gen 15, 2009 @ 16:20:44

    Lo farei volentieri, ma ho pochissimi indizi. Una c. e un’anatra… Troppo poco!

  35. c.
    Gen 15, 2009 @ 16:28:10

    Praticamente una Canatra

  36. gianni allegra
    Gen 15, 2009 @ 16:43:08

    “Canatra” potrebbe essere l’etichetta di un ottimo o eccellente syrah.

  37. L'anatra parlante
    Gen 15, 2009 @ 16:53:25

    @Gianni Allegra
    Mi permetto qualche umile suggerimento:
    La C. è una lettera speciale: un cerchio che non si chiude, un porto, un approdo, il punto che segue potrebbe essere una barca che arriva, una luce a intermittenza in mezzo al mare, un rimando ..
    Sulla barca ci potrebbe stare l’anatra, dispersa.. e per lo più parlante…. sparlante….fai tu..
    @C.
    Canatra-mente

  38. c.
    Gen 15, 2009 @ 17:06:53

    @gianni Un’anatra che sussurra alla luna, su una barca, di notte, tra le onde spumeggianti e una luce in lontananza…

    @antra
    Canatramente for president

  39. gianni allegra
    Gen 15, 2009 @ 17:10:44

    Sono estasiato. C. e Anatra (canatramente), ditemi solo una cosa: ma siete un tutt’uno? Almeno questo, dài!

  40. L'anatra parlante
    Gen 15, 2009 @ 17:16:41

    @C. @ Gianni Allegra

    L’anatra é attratta dalla luce come una falena. Si sa. Le onde spumeggianti la bagnano senza fine e senza tempo. Forse maltempo.
    La notte è buia perché la luce è in lontananza.
    Canatramente eccellente sirah, for-presid-io

  41. c.
    Gen 15, 2009 @ 17:26:23

    Caro Gianni,
    a dir la verità ho sempre pensato che un’anatra più o meno parlante dorma da qualche parte dentro di me. Ma in questo caso no, non siamo un tutt’una. Canatramente cin – cin.

  42. vail
    Gen 15, 2009 @ 18:07:42

    Quarant’ena… come ti capisco!!!!
    brava

  43. Maristella
    Gen 18, 2009 @ 16:41:55

    Complimenti. Grande Quarant’ena…meraviglioso post. Semplicemente meraviglioso…

Leave a Reply