Mi fido di chi

Sono un diffidente, però un po’ mi fido. Ecco un elenco.

Mi fido di chi non traveste la curiosità.
Di chi non si offende se non rispondi al telefono.
Di chi sorride dei propri difetti.
Di chi si annoia con serenità, ma sta sempre a inseguire nuovi progetti.
Di chi usa la rabbia come sedativo.
Di chi legge tra le righe senza pretendere di leggere quello che vuole leggere.
Di chi non corre per partecipare, ma per vincere.
Di chi riconosce i meriti altrui, senza sottovalutarsi.
Di chi piange di nascosto e ride apertamente.
Di chi ha cancellato la frase: “Nessuno mi\ti conosce come mi\ti conosco io”.
Di chi sa sbagliare da solo.
Di chi ha cura per i dettagli.
Di chi chiede scusa con la stessa semplicità con la quale accetta le scuse.
Di chi sa ascoltare.
Di chi mente con sincerità.
Di chi ti rende pan per focaccia.
Di chi onora il passato.
Di chi ha la forza di rispettare i più deboli.
Di chi non confonde bontà con buonismo.
Di chi ti manda a quel paese quando te lo meriti.
Di chi diffida degli elenchi come questo.

  

Leave a Reply