Marameo!

C’è un vantaggio a leggere storie e notizie online: non si consuma carta. E la carta, soprattutto quella patinata delle belle rivistone di moda che si pagano al chilo, si ricava dalle foreste. E’ di ieri un appello di Greenpeace, cui volentieri mi associo, per salvare dalla distruzione le foreste primarie della Finlandia. Stora Enso a qualcuno può ricordare il cognome e nome (con refuso) di un emigrato meridionale; in realtà è un colosso mondiale della carta. Questa holding finnico-svedese risulta essere la principale acquirente di fibre di legno dall’agenzia statale Metsähallitus, che sta distruggendo le preziose foreste affidatele. Con il legno proveniente da queste foreste, Stora Enso produce carta per riviste stampate in tutto il mondo, Italia inclusa, e risme da fotocopie. Pochi giorni fa 240 scienziati finlandesi hanno chiesto di fermare il taglio nelle foreste naturali del Paese. Secondo voi li hanno ascoltati o gli hanno fatto marameo?
Ecco, ci siamo capiti.
Se qualcuno vuole restituire il marameo alla multinazionale e\o alla agenzia statale di cui sopra clicchi sui rispettivi ipertesti e segua la strada verso un “about us”, lì troverà qualche email con cui sfogarsi.
Ps. Mi sembrava inopportuno affibiare a questo post l’etichetta “erbaccia”, trattandosi di un argomento “vegetale”. Ho deviato verso le “certezze” che derivano dalla vostra sensibilità.
  

Leave a Reply