Elogio di Pippo

Nella tana di montagna nella quale mi sono ritirato per una settimana c’era un’antenna parabolica scassata che mi ha elargito qualche frame di Raiuno. Per giorni ho attribuito a questa rarefazione di segnale una strana impressione: mi sembrava che il Festival di Sanremo quest’anno funzionasse!
Così ieri pomeriggio, appena rientrato in Italia, mi sono ritrovato – per la prima volta in una ventina d’anni – davanti alla tv per verificare la fondatezza di quell’impressione.
Avevo capito bene, il Festival quest’anno ha fatto il suo mestiere, quello di regalare canzoni italiane, di far discutere dei testi, di raccontarci di piccole polemiche e grandi sogni, di fare spettacolo insomma. E io, dopo il mio fallace vaticinio di due mesi fa, dovevo fare pubblica ammenda.
Detto fatto.
Pippo Baudo è un gran professionista, solido e tenace come solo chi ha radici ben salde sulle assi di un palcoscenico sa essere. E gli si perdona anche la spudorata furbizia di proporsi in diretta come esternatore nudo e puro, apolitico e apartitico. Baudo sa bene che il suo ruolo non è più quello di semplice presentatore. Da condottiero unico dell’ammiraglia della Rai che ha navigato con grande difficoltà nel mare di Sanremo conta più di un segretario di partito: un suo ammiccamento catodico sposta simpatie e voti, un suo starnuto in diretta fa correre al fazzoletto milioni di telespettatori. E’ la legge della popolarità. Il Festival non ha destino senza l’abile manipolazione di Pippo che, come tutti gli eroi, è un misto di coraggio e ruffianeria. Il resto – i Del Nocini, i politicuzzi, i Landolfini, gli Al Banucci – sono fragili pioli di una scala buona per finire in legna da ardere, il prossimo inverno. Se verrà.
  

Leave a Reply